Implantologia
L’intervento di implantologia permette di sostituire le radici dei denti mancanti mediante fixtures (impianti a vite) in titanio che vengono incorporate chirurgicamente nell’osso.
 
L 'impianto come sostituto di ...
(Per cortese concessione dell'Ing.Buccella)
 
In alcuni casi gli impianti permettono la sostituzione di uno o più denti, in altri l’ancoraggio di una protesi.

Infatti gli impianti possono:
- Sostituire un dente singolo (Corona su impianto)
- Sostituire un gruppo di denti mancanti ravvicinati o un'intera arcata dentaria (Ponte su impianti)

In altri casi caratterizzati da edentulia (Mancanza totale di denti per un'arcata) gli impianti possono servire da supporto per una protesi, che può:
- Essere avvitata (Toronto-Bridge)
- Essere supportata da una barra solidarizzata agli impianti (Barra di Ackermann o di Dolder)
- Essere supportata da boules avvitate agli impianti
Il vantaggio di ancorare una protesi agli impianti è notevole: viene ridotto quel fastidioso senso di mobilità che costantemente contraddistingue una protesi totale (la classica "dentiera"), permettendo ai nopstri pazienti di masticare meglio e di sorridere senza il timore che la protesi "cada dalla bocca" o "venga sputata".


SOSTITUZIONE DI UN DENTE SINGOLO
Nella maggior parte dei casi le radici di un dente mancante, oppure un dente le cui radici non sono più recuperabili e necessitano di estrazione, possono essere sostituite da un impianto.
Ad esso, terminata la fisiologica fase di osteointegrazione (circa 3-4 mesi) si avvita un moncone, sopra il quale si cementa un manufatto protesico, in questo caso una corona in ceramica.
Il dente mancante
l'impianto integratovi si avvi...
La corona cementata



SOSTITUZIONE DI UN GRUPPO DI DENTI MANCANTI
In altri casi manca più di un dente. Gli impianti allora possono supportare un gruppo intero di denti (Ponte su impianti).
le corone dei molari non sono ...
Gli impianti dopo la guarigion...
I monconi avvitati sugli impia...

Il ponte cementato sugli impia...
Gli impianti dopo la guarigion...
I monconi avvitati agli impian...

Le corone singole cementate su...
Il caso terminato



SOSTITUZIONE DI UN'ARCATA INTERA

Nei casi estremi gli impianti, in numero di 6-8 possono sostituire un'arcata completa.
Questa soluzione permette di avere una dentatura fissa, del tutto simile a quella naturale.
Il caso iniziale
Gli impianti al termine della ...
I monconi avvitati agli impian...

L'arcata completa in ceramica ...



PROTESI AVVITATA SU IMPIANTI ("Toronto-Bridge")
In caso di edentulia un'alternativa valida alla sostituzione dell'arcata intera la offre il "Toronto-Bridge" (o Protesi avvitata).
E' differente dal caso di cui sopra perchè la protesi non viene cementata ma avvitata agli impianti. Mentre nella protesi cementata gli elementi dentari sono "a vivo", cioè si adagiano perfettamente sulla mucosa in modo da ricreare esteticamente la gengiva, in questo caso la protesi sfiora soltanto la mucosa.
Per questa soluzione sono sufficienti 4 impianti.
Gli impianti su cui si avviter...
La protesi si adatta ai moncon...
Il caso terminato con al prote...



 PROTESI SUPPORTATA SU BARRA
In caso di edentulia, gli impianti possono servire da ancoraggio per una barra, sopra cui si adatta la protesi.
Questa soluzione permette una notevole stabilità del manufatto protesico, che può essere rimosso per essere deterso quotidianamente.
Gli impianti integrati
La barra avvitata agli impiant...
La protesi ancorata alla barra



PROTESI SUPPORTATA SU BOULES

La soluzione più semplice dell'edentulia è rappresentata dalla protesi supportata da boules.
Esse sono delle microsfere che si avvitano agli impianti.
Esse si accoppiano a guarnizioni in teflon presenti all'interno della protesi a cui si attaccano (come dei bottoni a clip).
Il caso iniziale. Dentatura te...
Le boules avvitate su due impi...
Il caso terminato. Protesi sup...



SI POSSONO INSERIRE IMPIANTI SUBITO DOPO L'ESTRAZIONE DI UNO O PIU' DENTI?
Certamente.
Quando la situazione clinica lo permette, ovvero l'alveolo residuo dove alloggiavano le radici o la radice del dente estratto è anatomicamente integro, è possibile inserire subito un impianto.
Questa soluzione permette di ottimizzare i tempi della protesizzazione. Infatti occorre attendere mediamente 3-4 mesi prima di protesizzare un impianto da sottoporre a carico masticatorio (anche se in alcuni casi selezionati il carico può essere immediato).
Il dente non più restaurabile
L'impianto inserito subito dop...
L'impianto dopo 3 mesi dall'in...

Il moncone avvitato all'impian...
La corona in ceramica cementat...



Tuttavia non sempre l'alveolo è integro, perchè la patologia che ha compromesso la/le radici dentarie ha provocato infezione e riassorbimento osseo.
In questi casi è necessario ricostruire la parete ossea utilizzando biomateriali. Essi vengono posti nell'alveolo postestrattivo in modo da guidare la rigenerazione ossea. Questo innesto di materiale viene ricoperto da una membrana in collagene e il tutto viene suturato sotto-gengiva .
Dopo un'attesa di circa 4 mesi, l'osso così neoformato (e guarito ovviamente dalla patologia da cui era gravato) può essere in grado di accogliere un impianto per la sua osteointegrazione.
Il dente da estrarre
L'alveolo residuo con deficit ...
Il biomateriale inserito nell'...

La membrana in collagene posta...
L'osso rigenerato dopo 4 mesi
L'impianto inserito nell'osso....

Il moncone avvitato all'impian...
La corona in ceramica cementa...




E QUANDO C'E' POCO OSSO?
Qualora la base ossea su cui si decide di incorporare gli impianti sia atrofica, è possibile utilizzare biomateriali per la rigenerazione guidata dei tessuti ossei mediante tecniche di innesto differenti (GBR, Piezosurgery Split Crest, Rialzo di seno mascellare per via crestale sec. Summers, Elevazione del pavimento del seno mediante accesso laterale, Onlays ossei a prelievo endorale).
È opportuno precisare che la prognosi implantare è maggiore quanto minore è il ricorso a tecniche rigenerative. In ogni caso prima di procedere all’intervento saranno eseguite tutte le valutazioni necessarie al fine di poter stabilire una predicibilità di successo.
A volte però tutti gli esami strumentali valutati preliminarmente non sono in grado di offrire immagini precise della morfologia ossea reale, per cui, durante l’intervento, è possibile ricorrere a tecniche rigenerative anche se non previste, o, se eventualmente previste, modificarle al fine di ottenere il miglior risultato, estetico e/o funzionale.


 
CASI CLINICI

Caso 1:  Split crest mandibolare mediante chirurgia piezoelettrica e divaricatori conici. La situazione di estrema atrofia ossea è stata risolta ottenendo lo spazio sufficiente mediante bisturi piezoelettrico e divaricazione dell'osso. Lo spazio così ottenuto è stato sufficiente per l'inserimento di due impianti. La porzione interimplantare andrà incontro a rigenerazione ossea spontanea.

Caso 1 - Cresta mandibolare at...
Caso 1 - Esiguo spessore della...
Caso 1 - Split Crest mediante ...

Caso 1 - Impianti inseriti nel...
Caso 1 - I monconi sopragengiv...
Caso 1 - Il caso finalizzato c...






















Caso 2: Impianto postestrattivo con carico immediato
Il Paziente aveva una frattura di 1.2 non più recuperabile se non con un impianto a sostituzione della radice ormai da estrarre; questa soluzione ha permesso il ripristino estetico IMMEDIATO mediante corona provvisoria, che dopo l'integrazione è stata sostituita con corona in ceramica.
Caso 2 - Incisivo laterale fra...
Caso 2 - Impianto inserito imm...
Caso 2 - Applicazione del prov...
Caso 2 - Aspetto dei tessuti m...
Caso 2 - Il caso finalizzato m...


Caso 3: Implantologia nei settori superiori posteriori e protesi inferiore ancorata ad impianti in mandibola. La paziente era portatrice di una protesi mobile superiore ancorata al ponte di cui vediamo la parte estetica estremamente consunta (che è stata ripristinata contestualmente mediante corone in ceramica). La medesima ha ottenuto il massimo comfort passando da una masticazione mediante PROTESI MOBILE ad una masticazione mediante PROTESI FISSA.
Caso 3 - Ponte incongruo prese...
Caso 3 - Impianti inseriti nel...
Caso 3 - Impianti inseriti nel...

Caso 3 - All'arcata inferiore ...
Caso 3 - La riabilitazione med...
Caso 3 - Particolare della con...




 Tutte le fotografie sono relative a casi clinici curati nel Nostro Studio





QUANTO DURANO GLI IMPIANTI?
Non è possibile prevedere la durata degli impianti, in quanto limitata da numerosi fattori:
  • Condizioni di igiene orale incongrua e/o concomitante parodontite non curata
  • Fumo > 10 sigarette al giorno
  • Diabete scompensato
  • Mancata sottoposizione a sedute di igiene professionale e controlli periodici
  • Ridotto supporto osseo
  • Qualità degli impianti
In assenza dei sopracitati fattori di rischio, la Letteratura Internazionale Scientifica documenta un successo implantare pari al 99.8%.
Nel nostro Studio utilizziamo impianti che la Letteratura Scientifica reputa tra i più affidabili, in quanto dotati di superficie porosa, acido-trattata e rivestita successivamente di particelle di Biossido di Titanio, nonche l’attuazione di tecniche chirurgiche ampiamente sperimentate e predicibili.
 
 

tutti i diritti riservati Copyright 2010
e-mail: info@cristianodaviso.com
Piva: 02648660047
Iscr. Albo Medici Chirurghi: 3390
Iscr. Albo Odontoiatri: 373